Bologna

Bologna_ City of Food

Il 24 marzo è stato presentato ufficialmente in Via Manzoni presso l’ oratorio San Filippo Neri il progetto Bologna_City of Food. L’iniziativa che possiede un logo personalizzato e un sito internet dedicato www.cityoffood.it si prefigge di coordinare tutte le iniziative sul cibo che avranno come location Bologna.cityoffoodIl progetto di marketing territoriale è in realtà una “costola” distaccata dell ExBo, un uteriore iniziativa promossa dal comune per aprire la strada all Expo 2015 di Milano, e vanta la partecipazione del Comune di Bologna, Caab, Bologna Welcome, Fondazione Alma Mater, Fondazione Marino Golinelli, Bologna Fiere e Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Bologna . Se il tema principale del Expo di Milano sarà NUTRIRE IL PIANETA, il tema principale di City of Food sarà quello di far capire a tutti gli interessati che sarà impossibile non passare da Bologna se si vuole approfondire la propria cultura nell’ ambito dell’ alimentazione e del cibo sano. Ecco il video di presentazione

city-food-bologna

A completare questa , ed è proprio il caso di dirlo, “abbuffata” di iniziative è stato presentato da Andrea Segrè l’inizio dei lavori per la realizzazione di Etaly World, la Disneyland del cibo che nel 2015 aprirà a Bologna nell’ area del CAAB . Questo grande progetto che vede la partecipazione di molte aziende e persone fra le quali spicca il patron di Eataly , Oscar Farinetti occuperà un area vastissima e darà la possibilità a chiunque di visitare e conoscere tutto ciò che ruota attorno all alimentazione sana made in Italy. Ecco il link alla mappa in Pdf.

etalyworld

Da Bolognesi non possiamo che essere fieri di ciò che sta succedendo e da Italiani non possiamo non augurarci che si tratti solo dell ‘inizio della valorizzazione dei punti forti che la nostra bellissima nazione possiede che per troppo tempo sono rimasti nascosti .

La Bologna dei parchi 1°parte

Premettendo che a Maggio è bella anche Vladivostock, va detto che in questa stagione Bologna dà il meglio di sè.

L’aria frizzante della mattina si mescola al caldo tepore delle ore centrali del giorno e, dopo un inverno infinito come quello a cui abbiamo assistito quest’anno, ogni raggio di sole rappresenta un iniezione di energia e di salute. Camminare per le vie del centro storico oppure poter godere dell’ ospitalità dei dehor esterni dei locali bolognesi offre al turista come al local la possibilità di vivere la città al pieno delle proprie possibilità .

Durante questo periodo dell’ anno per passare momenti piacevoli Bologna offre anche dei bellissimi parchi pubblici in cui potersi rilassare, fare camminate, girare in bicicletta o semplicemente sdraiarsi al sole. In questo post tenteremo di presentarvi i parchi pubblici della nostra città .

I COLLI BOLOGNESI

Bologna's hills

Cremonini li ha resi famosi in tutt’ Italia come circuito adatto alla Vespa special e ha riportato in una canzone in maniera egregia una sensazione che ogni Bolognese ha nel cuore. L’estrema vicinanza al centro cittadino ma anche la propria indole rustica ne hanno fatto il luogo di fuga ideale in cui scappare dai “problemi” . Sfruttati fin dai tempi più antichi dai cittadini più giovani quando si marina la scuola , regalano angoli meravigliosi di pace e di tranquillità oltre ad impegnativi percorsi da sfruttare con la mountain bike. Sono bellissimi durante il week end, quando vengono occupati da numerosi gruppi di persone ma forse durante la settimana quando l’affluenza di gente è minore regalano momenti di serenità e di pace ancora più preziosi . Sono il luogo ideale in cui potersi godere un bel tramonto o la lettura di un buon libro distesi su una coperta.

IL PARCO DI VILLA GHIGI

Appena sopra Porta San Mamolo è facilmente raggiungibile anche a piedi dal centro. Offre un bellissimo sentiero da percorrere a piedi  e numerosi prati assolati su cui sdraiarsi beatamente. Gli alberi secolari regalano oasi d’ombra  in cui poter sostare e per i più sportivi è stato allestito un percorso ginnico con diverse stazioni dislocate in tutto il parco.

Ai lati del sentiero sono stati piantati numerosi alberi da frutto e notevoli esemplari arborei autoctoni e esotici (tra questi roverelle, carpini neri, un secolare cedro dell’Himalaya e uno stupendo esemplare di tasso), oltre ad un bosco di faggi che si è ben naturalizzato nonostantel’altitudine inusuale.

Deve il nome alla famiglia Ghigi che nel 1972 ne ha donato la proprietà al comune di Bologna.

PARCO CAVAIONI

Parco CavajoniRappresenta la spiaggia per molti bolognesi. E’ il parco dei colli forse più lontano dalla città ma non per questo il meno frequentato.

Per molte estati la sera, ha ospitato serate ed eventi mondani mentre di giorno viene occupato per la maggior parte da amanti dell’ abbronzatura. Fino a poco tempo fa era anche possibile affittare lettini e ombrelloni. E’ una specie di altopiano collocato in cima ai colli , uno dei pochi prati pianeggianti che si posso trovare e per questo spesso trasformato in campo da calcio o stadio del fresbee .

Praticamente all’ interno del parco è presente un maneggio dal quale è possibile partire per escursioni a cavallo e negli ultimi anni a seguito del restauro della villa è stato allestito un ristorante .

Mortadella

Oggi vi presentiamo  un salume Bolognese che ha una popolarità ormai internazionale e che vanta imitazioni in molte parti del mondo e vi daremo suggerimenti su dove poterlo assaggiare rimanendo a due passi dalle nostre strutture .

Probabilmente nata già nel I secolo la mortadella scompare per diversi secoli fino al Medio Evo quando torna prepotentemente di “moda” nella zona di Bologna , dove la fabbricazione e l’applicazione dei sigilli di garanzia era di competenza della Corporazione dei Salaroli, una delle più antiche di Bologna, che già nel 1376 aveva per stemma un mortaio con pestello. Oggigiorno, le caratteristiche della mortadella sono stabilite dal Consorzio della Mortadella Bologna e approvate dall’ Unione Europea. Spesso oggetto di inesattezze nel campo dell’informazione alimentare, la Mortadella risulta perfettamente in linea con le più evolute tendenze della moderna scienza nutrizionale, ed è spesso consigliata in molteplici regimi alimentari, poiché ritenuta da molti nutrizionisti un insaccato sano, che apporta la giusta dose di calorie.

il salume di Bologna

la vera mortadella Bolognese

Ecco che allora vale veramente la pena, una volta arrivati a Bologna , approfittare di questa risorsa e rifarsi il palato, magari accompagnando la mortadella con un buon bicchiere di vino .

Consigliamo ai nostri ospiti di visitare l’ Enoteca italiana  www.enotecaitaliana.it che si trova in  Via Marsala, veramente a 20 mt dalle nostre strutture .Qui oltre ad avere la possibilità di degustare i migliori vini dispoinibili vi consigliamo di ordianre anche un buon piatto di mortadella e godere di queste primizie in un ambiente rilassato e informale .

Un ‘altro posto che non possiamo esimerci dal consigliare ai nostri ospiti e l’antica salumeria Tamburini www.tamburini.com dove oltre al gusto potrete soddisfare la vista godendo delle bellissime vetrine gastronomiche ricche di prodotti freschi. Questa volta la camminata partendo dall’ Hotel o dai Met’s sarà leggermente più lunga (10 min) ma vi porterà nel “quadrilatero”, sicuramente una delle zone più tipiche ed affascinanti della città .

Per ogni tipo di informazione, o indicazione non esitate a chiedere al banco della reception dell’Hotel , dove gli addetti alla portineria saranno ben lieti di aiutarvi a scoprire le eccellenze del nostro territorio.

www.HOTELMETROPOLITAN.com